martedì 11 novembre 2008

Arriva l'estatina di San Martino con i suoi dolcetti

La nebbia a gl'irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;
ma per le vie del borgo
dal ribollir de' tini
va l'aspro odor de i vini
l'anime a rallegrar.
Gira su' ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
su l'uscio a rimirar
tra le rossastre nubi
stormi d'uccelli neri
,com'esuli pensieri,
nel vespero migrar.

San Martino - Giosuè Carducci

Comincio cosi questo post,tutto dedicato alla ricorrenza che cade oggi 11 Novembre, San Martino.

Ma chi era San Martino?
nato come Martino di Tours, visse tra il 316 e il 397 d.C., natoa Salaria, in Pannonia,l'attuale Ungheria.
Suo padre era dedito alla vita militare,ai servigi dell'impero romano,gli conferi' il nome in Martino in onore di Marte, dio della guerra.
A 15 anni dovette entrare nell’esercito su insitenza del padre.
La leggenda piu'nota e'quella che diede vita all’Estate di S. Martino,questa narra che Martino, trovandosi alle porte della città di Amiens, vide un mendicante seminudo a cui diede metà del suo mantello.
Da quel gesto il cielo si rischiarò e il calore del Sole si fece così intenso da assomigliare al caldo tepore estivo.
La notte seguente Martino sogno'Gesù che gli diceva: "Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito."
Al suo risveglio Martino noto' che il suo mantello, attualemente conservato come reliquia, era di nuovo integro.
Questo evento segno'Martino che decise di congedarsi dall’esercito, si fece battezzare, probabilmente ad Amiens, e divenne monaco nella città di Poitiers.
Nel 371 venne eletto vescovo di Tours, e morì a Candes, che poi fu rinominata Candes Saint Martin in suo onore.
Ancora oggi si identifica il bel tempo che si riaffaccia dopo i primi freddi come l’Estate di San Martino, e tradizione vuole che durante questo periodo vengano aperte le botti per assaggiare il vino novello.

Biscotti di San Martino ripieni
Questi biscotti appartengono alla tradizione gastronomica siciliana, si usava consumarli il giorno di San Martino, l'11 di Novembre,usanza da cui hanno poi preso il nome.

In realta'solo i benestanti potevano consumarli in questa data,accompagnandoli ad una bella bottiglia di moscato,i poveri dovevano infatti attendere il pagamento settimanale,quindi per loro slittava al fine settimana la possibilita'di gustarsi questo dolce della tradizione,la domenica successiva all'11 Novembre assunse comunemente il nome di "San Martino dei poveri".
Di questo biscotti ci sono versioni e nomi,dal sanm

artinello al rasco,dall'impasto duro o riccamente decorato,io vi propongo la versione morbida e ripiena.

Ingredienti

1 kg farina 00

250 g di strutto

160 g di zucchero

2 panetti di lievito di birra

una manciata di semi di finocchio

cannella

moscato

300 g ricotta

zucchero a velo

-Mettiamo in una grossa terrina la farina a fontana,al centro mettere lo strutto,lievito sciolto con poca acqua tiepida,semi di finocchio e cannella.

-Impastiamo bene il tutto,tagliamo quindi l'impasto a cilindri,che avvolgeremo su loro stessi,ottenendo delle spirali.

-Adagiamo i biscotti su una teglia da forno unta e cuociamoli per 20 minuti,devono essere cotti ma morbidi.

-Tagliamoli in due parti,facendo attenzione che le due parti NON siano uguali..immagginiamo di tagliare la calotta ai pomodori,nello stesso modo tagliamo i biscotti.

-Bagniamo entrambe le parti con poco moscato.

-Farciamoli con la ricotta che abbiamo dapprima lavorato con un po'di zucchero.

-Spolveriamoli con zucchero a velo e cannella.

Buona estatina di San Martino a tutti,e'appena spuntato il sole dopo una lieve pioggerella..

Mirtill@

43 commenti:

  1. Fantastici biscottini!
    Auguri a tutte le Martina e Martino!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. sono davvero perticolarissimi quest biscotti!!
    Tanti augurti martina!!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Grazie mille...penso lo stesso di te^_^

    Un abbraccio e complimenti per i biscottini!

    Laura

    RispondiElimina
  4. Devono essere proprio buoni... e poi grazie per la storia non la conoscevo è stato bello leggerla ho sentito l'odore dell'autunno una stagione che io amo profondamente! :)

    RispondiElimina
  5. mi ero sempre chiesta come mai si dica l'estate di san martino!!! grazie peravermi illuminata cara

    RispondiElimina
  6. che carina questa descrizione...lo sai che appena ho finito di leggere il tuo post è spuntato davvero il sole? :-D
    "l'estate di San Martino dura tre giorni e un pochino"

    RispondiElimina
  7. Non li conoscevo!
    Tipo i macarons francesi :D
    Buon San Martino!
    A presto

    RispondiElimina
  8. aaaaaaaaaaaaaaaaah

    troppo troppo buoni!

    ma posso trasferirmi a casa tua per assaggiare tutte le tue delizie?

    ^______________^

    RispondiElimina
  9. mamma mia che belli , non li conoscevo questi dolcetti , grazie prendo nota, un bacione!!

    RispondiElimina
  10. @simo:grazie mille simo ;)

    @manu e silvia:grazie mille gemelline ;)

    @laura:grazie....cosi mi emoziono pero'eh!

    @anna:un bacione e te e buona estatina di S.martino!!

    RispondiElimina
  11. @alfie:ma ne sono onorata cara ;)

    @nespolina:visto?!!?
    altro che giugliazzi!!!

    @carla:diciamo di si,ma molto alla lontana!!!il sapore e'parecchio diverso ;)

    RispondiElimina
  12. @pupottina:ma grazie cara!!!
    quando vuoi sei la benvenuta!!!

    @mary:un bacione a te cara ;)

    RispondiElimina
  13. Ecco brava...visto che hai scritto la storia quando metto il dolcetto mio rimando a leggerla qui, ok?

    RispondiElimina
  14. buonissimi!!! li voglio tutti!

    RispondiElimina
  15. che ricettina golosa, io poi adoro la cannella!
    ho messo dei premi per te sul blog!

    RispondiElimina
  16. Mi sa che devono essere buonissimi!!! grazie della storia di San martino, l'avevo proprio dimenticata...

    RispondiElimina
  17. Ecco uno dei tanti motivi per cui vengo a girellare anche nel tuo blogghino, scrivi cose molto interessanti e poi oggi hai messo una ricetta di cui io vado personalmente matta!!!!!
    Quando ero giù a Palermo mia mamma ne comprava per mangiarli a pranzo. Anche se vivo a Fi, mi hai convinto, oggi provo a farli con la tua ricettuzza!!!!!!
    Grazieeeeee mille, spero che mi vengano buoni come i tuoiiiii.
    Kissesssss

    RispondiElimina
  18. ma buonissimi!!!sei mitica!! baci

    RispondiElimina
  19. Ma questi biscotti sono fortissimi Mirtilla!!!
    Davvero belli e mi posso solo immaginare la bontà!!!
    complimenti e auguri a tutti i martini e martine!
    baci
    dida

    RispondiElimina
  20. Wowowwo... che bella la poesia...mi ricorda tantissimo il periodo dell'infanzia! ^___^

    Buonissimi e molto interessanti questi biscotti!

    RispondiElimina
  21. La poesia è l'unica che so a menadito, perchè è l'unica che mio padre mi recitava incessantemente!!!
    Grazie !
    Martina

    RispondiElimina
  22. non conoscevo questi biscotti...fatti con il lievito di birra...li devo studiare ben bene...bacione

    RispondiElimina
  23. St'estate di san martino è un po' troppo freddina per i miei gusti... mi consolerò con uno di questi dolcetti che non conoscevo e che mi intrigano un sacco!

    RispondiElimina
  24. A però! Evviva San Martino e questi squisitissimi dolcetti!!!

    RispondiElimina
  25. ma che bombette bellissime.... BRAVA MIRTY...
    un bacio

    RispondiElimina
  26. Devono essere una vera delizia questi biscottini!
    Gnamgnam...

    RispondiElimina
  27. mirtillina...grazie per la storia di san martino!
    e questi dolcetti che non conscevo..
    qui invece si è ingrigito tanto, tanto..
    perfetto per accendere le candele, preparare un tè..e magari questi dolcetti.
    buon san martino cara!
    bacioniii

    RispondiElimina
  28. Immagino che siano buonissimi!
    Un bacio e buona giornata.

    RispondiElimina
  29. Ciao cara, ti va di ritirare un premio da me?...se passi e lì che ti aspetta!! Baci

    RispondiElimina
  30. bellissimi biscotti! eh, sì, la poesia è adattissima alla giornata di oggi...stamani "biancheggiava il mar"! brava!

    RispondiElimina
  31. bellissimi! mi piacciono le tradizioni e le ricorrenze!

    RispondiElimina
  32. Meravigliosi!!!
    Voglio provarli al piu' presto!!!
    Grazie per la ricettina:*

    RispondiElimina
  33. Non me la ricordavo più la storia di S.Martino...
    I biscotti devono essere bbbbuoni, con tante bbbb perché c'è anche tanto bbbburrrrroooo!!!
    Per un momento di NON dieta

    Castagna

    RispondiElimina
  34. pure i biscotti di San Martino...ma quante ne sai??? sei incredibile! baciotti :)

    p.s. ho risposto alla tua mail :)

    RispondiElimina
  35. Evviva S.Martino
    Evviva L'Estate di S.Martino
    Evviva i Biscotti di S.Martino!!

    :-)))))

    Evviva Mirtilla!!! ;-)

    Un abbraccio, a presto!! ;-)

    RispondiElimina
  36. Interessante questo post su San Martino ma sono molto belli anche i tuoi dolcetti. Complimenti

    RispondiElimina
  37. grazie non conoscevo questi biscotti bona iunnatedda

    RispondiElimina
  38. Da noi è tradizione che la sera di S. Martino si mangino le caldarroste accompagnate da vino novello... cosa che ho puntualmente fatto ieri sera!
    Sono troppo belli questi dolcetti e grazie per il cenno storico sulla vita del santo!
    Un bacio cara!

    RispondiElimina
  39. Belli questi biscotti! ^^
    un bacio

    RispondiElimina
  40. che bel momento che mi hai regalato!

    RispondiElimina

Utilizzando questo sito si accettano e si autorizzano i cookies necessari +Info OK