Pagine

venerdì 19 dicembre 2014

Dicembre:il trionfo della Cassata Siciliana

Appuntamento mensile con la rubrica Cucina e Territorio di casa nostra, che vi ricordo coinvolge me ed altre dolcissime foodblogger nel proporvi,ogni mese, le ricette tipiche regionali.
Il tema di Dicembre era inerente il piatto della tradizione regionale natalizio,dolce o salato a nostra scelta personale.
Il cavallo di battaglia siciliano è ovviamente la Cassata, che proprio nel periodo natalizio vive il maggior fulgore.
Ecco quindi la ricetta della tradizionalissima Cassata Siciliana, realizzabile con estrema facilità in casa, ottima idea regalo per cesti e doni natalizi.

Cassata Siciliana


  Ingredienti:
 1 Pan di Spagna
 1 kg di ricotta di pecora
 300 g di zucchero semolato
 200 g di gocce di cioccolato
 cannella
 300 g di zucchero a velo
 frutta candita
 pasta reale ,circa 300 g

 Procedimento:
 -Prepariamo la crema di ricotta, potete  farla anche la sera prima permettendo cosi  alla crema di ricotta di riposare ed  insaporirsi.
 -In una terrina lavoriamo la ricotta con lo  zucchero semolato,uniamo le gocce di  cioccolato ed un pizzico di cannella.
 -Foderiamo la teglia (22 cm per le dosi  indicate) con carta forno,in modo da  estrarre con più facilità la cassata.
 -Sul fondo della teglia sistemiamo un primo  e sottile disco di pan di spagna,foderiamo i  bordi laterali della teglia con fettine di  pan di spagna e pasta reale alternandoli.
 -Farciamo con la crema di ricotta.
 -Copriamo con un secondo e sottile disco di  pan di spagna e lasciamo asciugare in  frigorifero per almeno 1 ora.
 Passiamo alla glassa, che otterremo facendo  sciogliere lo zucchero a velo con acqua e  con cui ricopriamo in toto la cassata.
 Lasciamo riposare e solidificare la  glassa,quindi decoriamo a piacere con la  frutta candita.

 Variante alla classica Cassata Siciliana  tradizionale è la Cassata al forno, molto  meno dolce, stessa farcitura a base di crema  di ricotta, stavolta avvolta in pasta  frolla.
 Qui potete trovare la ricetta, da me proposta in post precendenti



Vi lascio con i link a tutte le amiche blogger coinvolte nel progetto e alle loro strepitose ricette.
 
Cucina della Lombardia: Panun dolce tipico della Valtellina
Cucina del Friuli Venezia Giulia: crema carnica - sufrìt
Cucina della Toscana: cavallucci
Cucina del Lazio :Pangiallo
Cucina della Campania: struffoli e roccoco
Cucina della Basilicata: Peperoni cruschi fritti




Mirtill@

mercoledì 17 dicembre 2014

Orecchiette con salsicce e cime di rapa alla barese

Le Orecchiette, uno dei formati di pasta più buoni che ci siano, buonissime con un buon sugo e spettacolari con salsicce e cime di rapa.
Eh si,perchè proprio le Orecchiette con salsicce e cime di rapa sono uno dei piatti regionali più amati e conosciuti in tutto il mondo, piatto tipico pugliese, racchiude in se il buono della pasta, la bontà delle cime di rapa, l'eccellenza dell'olio pugliese.
Questo piatto lo preparo con frequenza perchè molto amato dai miei bimbi, ed io colgo appena posso l'occasione per proporgli verdure dal gusto forte come le cime di rapa.

Orecchiette con salsicce e cime di rapa alla barese


   Ingredienti per 4 persone:
 380 g di Orecchiette
 2 salsicce
 2 mazzi di cime di rapa
 aglio
 peperoncino
 olio evo,possibilmente pugliese
 sale e pepe q.b


Procedimento:
-Puliamo le cime di rapa e sbollentiamole per circa 10 minuti in acqua leggermente salata.
-In una capiente padella lasciamo imbiondire l'aglio intero con 3 cucchiai di olio e peperoncino.
-Eliminiamo l'aglio,uniamo le salsicce tritate.
-Possiamo sfumare con vino bianco,a piacere.
-Uniamo anche le cime di rapa ben strizzate e tagliate grossolanamente.
-Regoliamo di sale e pepe.
-Lessiamo la pasta,condiamola con il sugo di rape e salsicce, un pò di olio e crudo e....



 Mirtill@

lunedì 15 dicembre 2014

"...E niente"..solo 3 anni di #cosebelle

Oggi niente ricetta, ma tanta dolcezza comunque..
Voglio parlarvi di questa dolcissima e complicata donna,mamma, avvocato e blogger: Vatinee Suvimol.
Dolcissima..basta guardarla,sorride sempre,con gli occhi prima di tutto.
Complicata perchè donna in tutto e per tutto,come tale racchiude emozioni e sensazioni spesso semplici spesso celate e sempre profondissime.
Ho conosciuto 2 anni fa il suo blog attraverso altri blog,mi hanno affascinato le sue meravigliose foto,i pensieri sussurati,le frasi spesso dette a metà..
E da allora l'ho seguita,spesso in sordina,ma non è cosi semplice commentare post che ti entrano dentro,che ti scrutano in maniera assurda..ogni parola aggiunta potrebbe sembrare banale.
Da qualche mese faccio parto del magnifico gruppo delle Blogalline, e da allora è stata un'invasione di risate,consigli,dritte,momenti di sana condivisione..una valanga di hashtag insomma!


E come spesso inizia lei i suoi pensieri "...e niente" che poi di niente non hanno nulla,perchè quella semplice espressione serve a racchiudere un mondo di emozioni.
Volevo condividere con voi questa piccola grande soddisfazione, ieri sul Giornale di Sicilia ho dato dei piccoli consigli sulla mise en place natalizia #solocosebelle!!!!



Con questa valanga di parole detta a metà,pensieri spezzati e sorriso di gioia,“Con questo post partecipo al Giveaway di Vaty: Food & Travel” ,sezione TRAVEL.


Mirtill@

venerdì 12 dicembre 2014

Vellutata di Zucchine con Caprini

Preparazione fisica e psicologica per domani,Santa Lucia..qui a Palermo infatti si va giù alla grande con piatti gustosi ed appetitosi che a dire il vero,poco ricordano le ristrettezze dei tempi passati.
Si inizia a colazione con la Cuccia- crema alla ricotta e grano con cannella e codette di cioccolata,QUI la ricetta.
Si prosegue a pranzo e cena con il classico gateaù di patate e con le famosissime arancine,condite in mille gusti e disponibili sia in variante dolce che salata.
QUI la ricetta delle classiche arancine,per il ripieno sbizzarritevi,io quest'anno proverò a farle con pollo al curry e gamberi in salsa di soia.

Visto che domani la giornata si prospetta"bella tosta", oggi vi propongo una ricetta molto light, detox fino in fondo: 

Vellutata di Zucchine con Caprini



   Ingredienti:
 2 zucchine verdi
 1 patata 
 1 scalogno
 olio evo
 100 g di formaggio caprino
 sale e pepe q.b
 noce moscata


  Procedimento:
 -Tagliamo a cubetti le zucchine e la patata  precedentemente pelata.
 -Lasciamo stufare in una pentola lo scalogno  tritato con olio,zucchina e patata.
 -Copriamo con 1 dl di acqua e portiamo a  cottura,occorrono circa 15 minuti.
 -Regoliamo di sale e pepe.
 -In una terrina lavoriamo il formaggio  caprino con un pizzico di noce moscata,sale  e pepe.
 -Aiutandoci con un mixer riduciamo in purea  le verdure cotte,disponiamo nei piatti.
 -Decoriamo con una "pallina"di formaggio,un  filo d'olio evo a crudo,e bon apetitè .

 Mirtill@

martedì 9 dicembre 2014

Risotto Aglio,Olio e Peperoncino

Dopo i bagordi della "prima festa" depuriamoci con un piatto leggero, semplice, senza mai rinunciare al gusto.
Questa ricetta è stata realizzata dallo chef Antonino Cannavacciuolo durante uno degli episodi di Cucine da incubo.
Inutile dire che amo questo chef, sarà che siamo conterranei,sarà che ha questo aspetto cosi imponente ma al tempo stesso un'aria da bonaccione...eppoi mi incanta vedere che cucina semplice propone,ingredienti che davvero maneggiamo quotidianamente, utilizzati semplicemente in maniera differente.

Risotto Aglio,Olio e Peperoncino


   Ingredienti per 4 persone:
 250 g di Riso Carnaroli
 1 spicchio di aglio
 peperoncino
 olio evo
 Brodo Vegetale
 Burro
 Vino bianco
 Sale e pepe q.b



   Procedimento:
 -Nella nostra pentola o saltapasta facciamo  rosolare insieme il burro con l'aglio  tritato finissimo ed il peperoncino.
 -Uniamo il riso e lasciamolo  tostare,bagniamo con 100 ml di vino bianco.
 -Portiamo a cottura il riso,allungando con  brodo vegetale quando necessario.
 -A pochi minuti dal termine della cottura  condiamo con un filo d'olio e se piace, con  della bottarga.

 Un risotto semplice, gustoso ed  alternativo,davvero realizzabile con  pochissimi ingredienti,spesso da credenza. 

 Mirtill@


giovedì 4 dicembre 2014

Canederli ripieni su letto di polenta dolce

Ci sono di quelle sere che fa freddo,magari piove, e il tempaccio e mille impegni non hanno permesso di fare la spesa.
Nascono cosi le ricette riciclo- o svuota frigo come amo chiamarle.
Ricette che spesso e volentieri non hanno nulla da invidiare a piatti ben pensati.
Se vi avanza del pane ed in frigorifero avete un pezzetto di salame,una fettina di prosciutto...ecco la ricetta che fa per voi: Canederli ripieni su letto di polenta dolce

  Ingredienti per circa 6 Canederli:
 1 kg di pane raffermo
 2 uova
 1/2 l di latte
 100 g di burro
 brodo vegetale
 salumi misti ( io ho utilizzato  pancetta,salame e mortadella)
 noce moscata
 salvia o prezzemolo
 sale e pepe q.b

Procedimento:
-Tagliamo il pane a tocchetti,eliminiamo la parte esterna e lasciamolo ammorbidire in una ciotola con il latte,almeno 30 minuti.
-Strizziamo il pane dal latte in eccesso,versiamolo in una terrina ed uniamo il burro ammorbidito,le uova,prezzemolo o salvia tritati finissimi,sale e pepe,noce moscata e se piace anche del parmigiano grattugiato.
-A parte tritiamo i salumi,potete aggiungere anche dei tocchetti di formaggio.
-Ricaviamo delle polpettine con il pane, al centro farciamole con i salumi tritati.
-Chiudiamo bene le nostre polpette e cuociamole per almeno 20 minuti in brodo vegetale.

Potete gustarli sia con il brodo utilizzato per la cottura,oppure con una polenta.
Personalmente ho utilizzato la classica polenta che cuoce in 5 minuti,la Valsugana,sostituendo il latte all'acqua ed ottenendo un sapore dolce che ben smorza con il gusto corposo dei salumi.

Mirtill@