Pagine

giovedì 5 marzo 2015

Alla scoperta delle erbe spontanee:Cardella ripassata con aglio,olio e peperoncino

Un po' di tempo fa,un grande Chef e Maestro come Beppe Giuffrè,invitò noi foodblogger non solo a proporre e sperimentare piatti alternativi ed innovativi,ma a riportare sulle nostre tavole le erbe spontanee e commestibili,di cui la nostra terra è ricca,e che sempre meno vengono proposte e consumate.
Oggi parliamo proprio di una di queste piante, la Cardella,che nel territorio siciliano ho appreso essere molto presente.

Questa pianta è nota anche come Tarasacco o Dente di Leone, ha moltissime proprietà: contiene più ferro degli spinaci e più beta-carotene delle carote stesse,è ricca di potassio,fosforo e zinco,è molto diuretica- motivo per cui spesso viene chiamata"Piscialetto".


E'ovviamente fondamentale raccogliere questa pianta quando non è ancora presente la fioritura,commestibile in tutte le sue parti!!!

Devo ammettere che si può proporre in molte ricette:in pastella o in frittata sono un vero classico.
Amando il sapore in "purezza"delle verdure,le preferisco semplicemente "ripassate".

Cardella ripassata con aglio,olio e peperoncino




Ingredienti:
4 fasci circa di Cardella, circa 2 kg
Aglio
Olio Evo
Peperoncino
Sale e pepe q.b


Procedimento:
-Puliamo la Cardella,eliminando le foglie rovinate.
-Laviamo abbondantemente e puliamo con cura le foglie.
-Sbollentiamo la verdura per circa 10 minuti in acqua leggermente salata.
-Una volta cotta,lasciamo scolare bene la verdura,strizziamola con le mani per eliminare l'acqua in eccesso.
-In una padella rosoliamo uno spicchio di aglio tritato con 3 cucchiai di olio,uniamo un peperoncino tritato.
-Versiamo la cardella,regoliamo di sale e pepe e lasciamo insaporire per qualche minuto.
Se ne amate il sapore,potete unire anche un'acciuga a filetti.

Mirtill@

giovedì 26 febbraio 2015

Linzer Torte , e torta a risplendere il sole

Approfittando del tempo grigio e mogio,ho preparato una delle ricette forse più note ed antiche al mondo,una ricetta che risale al 1696 e dai natali Viennesi.
Eh si ,proprio lei,la magnifica Linzer Torte, che nulla ha a che vedere con la più classica delle crostate.
Questa torta prende il nome dalla città in cui è stata per la prima volta prodotta, Linz appunto.
Sui vari blog e libri di ricette ci sono moltissime versioni di questa torte,e quasi tutte si definiscono"originali".
Ho quindi seguito piu'ricette e personalizzato questo dolce, ottenendo una Linzer Torte che piace moltissimo a tutta la famiglia!!!

Linzer Torte


Ingredienti:
250 g di farina 00
250 g di farina di nocciole
200 g di burro
220 g di zucchero
3 uova (2 uova +1 tuorlo per spennellare)
cannella in polvere q.b
1 stecca di vaniglia
1 limone
sale
Marmellata di Lamponi Fiordifrutta Rigoni d'Asiago
Marmellata di mirtilli neri di bosco Fiordifrutta della Rigoni d'Asiago
Zucchero a velo



Procedimento:
-Prepariamo la pasta frolla, impastiamo insieme i due tipi di farina,il burro ammorbidito,1 cucchiaio da tè di cannella, un pizzico di sale,zucchero,le uova battute e vaniglia.
-Otteniamo un panetto con la pasta frolla,avvolgiamolo in pellicola da cucina e lasciamo raffreddare per 30 minuti in frigorifero.
-In una terrina mescoliamo un barattolo di marmellata di mirtilli con 2/3 cucchiai da cucina di marmellata di lamponi,assaggiate per controllare che il composto abbia il giusto grado di acidita' e sapore che preferite.
-Stendiamo in una teglia ricoperta con carta forno,la pasta frolla, bucherelliamo il fondo con i denti di una forchetta.
-Stendiamo sulla pasta frolla la marmellata.
-Decoriamo con le classiche strisce di pasta frolla ed inforniamo a 180°per 30 minuti in forno preriscaldato.



Il tocco finale è una meravigliosa spolverata di zucchero a velo!!!

Mirtill@

martedì 24 febbraio 2015

Rolls di Spatola con cipolle in agrodolce


Ieri è stato il compleanno del mio Piccolo Chef, nove anni di puro amore!!
Dopo la buonissima Angel Cake al cioccolato bianco e cocco,che prometto presto posterò sul blog, oggi optiamo per un pranzo leggero,senza mai rinunciare al gusto!

Rolls di Spatola con cipolle in agrodolce


Ingredienti:
4 filetti di Spatola
2 cipolle bianche
aceto di vino bianco 
zucchero semolato
pangrattato
uvetta sultanina
olio evo
sale e pepe q.b

Procedimento:
-Tritiamo le cipolle in fettine sottili,lasciamole stufare in una padella con 2 cucchiai di aceto,2 cucchiai di zucchero e 2 di acqua.
-Le cipolle devono stufare e caramellare leggermente.
-In una seconda padella rosoliamo il pangrattato con un filo d'olio,sale e pepe e l'uvetta.
-Su un tagliere stendiamo i filetti di spatola,farciamoli con la cipolla caramellata e il composto di pangrattato.
-Arrotoliamo i filetti,sistemiamoli in una pirofila leggermente unta.
-Condiamo con sale,pepe ed un filo d'olio.
-Inforniamo a 180°per 15 minuti.

Mirtill@





giovedì 19 febbraio 2015

Cassatelle Dolci alla Ricotta

Eccoci al consueto appuntamento mensile con la rubrica "Cucina e territorio di casa nostra" in cui,insieme ad altre foodblogger, vi proponiamo un piatto tipico della nostra regione di appartenenza.
Il tema di questo mese, approfittando anche del Carnevale appena concluso, é :I Fritti.

Devo ammettere che ho trovato diverse interessanti ricette sparse in tutta la Sicilia, ed ho scelto di preparare le Cassatelle Dolci alla Ricotta

Cassatelle Dolci alla Ricotta


Ingredienti per circa 20 ravioli o cassatelle che dir si voglia
300 g di farina 00
2 uova
100 g di zucchero semolato
1/2 bustina di lievito per dolci
sale
500 g di ricotta
150 g di zucchero a velo
vanillina
olio di semi

Procedimento:
-Mettiamo a fontana la farina,al centro 1 uovo intero,lo zucchero semolato,il lievito ed un pizzico di sale.
-Lavoriamo il nostro impasto,facciamone un panetto e lasciamolo lievitare coperto per 30 minuti.
-Lavoriamo la ricotta con lo zucchero a velo,potete aggiungere anche un pò di cannella se piace.
-Stendiamo il panetto di pasta,aiutandoci con una formina o una tazza da caffè ricaviamo dei cerchi.
-Farciamo ogni cerchio di pasta con il ripieno,chiudiamo a mezzaluna prestando attenzione a sigillare bene i bordi,magari aiutandoci con i denti della forchetta.
-Spennelliamo le cassatelle con un albume montato.
-Friggiamo in olio caldo le cassatelle,spolveriamole con abbondante zucchero a velo e....buon appetito!!!


 Vi invito a dare uno sguardo alle ricette realizzate dalle blogger coinvolte nel nostro appuntamento mensile,vi assicuro che ne vedrete delle belle!!
        Cucina del Lazio:I Suppli'
Cucina del Friuli Venezia Giulia: i tortelli viterbesi
Cucina della Toscana: i cenci 
Cucina della Campania: bignè ripieni
Cucina della Basilicata: Il Ceccio fritto  o "Cecc' du bambine"



Mirtill@

martedì 17 febbraio 2015

Funghi Pleurotus arrostiti

Martedi grasso!!
Il web impazza di chiacchiere o bugie che dir si voglia,e succulente lasagne...
Invece vi propongo un piatto che può essere sia un contorno che un piatto unico,leggero e gustoso.

Funghi Pleurotus arrostiti


Per questa ricetta ho utilizzato i noti funghi Pleutores, da alcuni noti come orecchie di elefanti,da noi a Napoli chiamati "funghi ricchioni".

Ingredienti:
Funghi Pleurotus
aglio
prezzemolo
olio evo
aceto di vino bianco
sale e pepe q.b


Procedimento:
-Nettiamo i funghi con un panno umido,facciamo attenzione a non bagnarli.
-Arrostiamo i funghi su una piastra calda,un paio di minuti per lato, condiamoli con sale e pepe.
-Prepariamo un condimento con aglio tritato finissimo,abbondante olio evo,succo di 1 limone e 1 cucchiaio di aceto di vino bianco.
-Una volta pronti i nostri funghi,sistemiamoli su un vassoio e condiamoli subito con il dressing realizzato



Buon appetito,Mirtill@

Credits:Vassoio Poloplast

sabato 14 febbraio 2015

Romantico Danubio per un San Valentino da...asporto!

San Valentino,oggi molti cuori innamorati sono ancora più romantici e coccolosi.
Il regalo più bello di San Valentino nel mio caso,è stata la meravigliosa pagella che il mio piccolo chef mi ha portato a casa...abbiamo visto insieme on line i voti del primo quadrimestre,ieri sera,accoccolati sul divano...e la sua meraviglia,gioia ed orgoglio nel leggere i suoi voti non la dimenticherò mai <3 font="">

Oggi dedico questa ricetta ad un mio lettore,che con il tempo è diventato amico.
Passeggiando sui vari blog ci sono decine ricette di dolci,cioccolattini,dessert strepitosi,ma per chi come lui è in turno in ospedale,stasera,cosa puo'portare alla sua lei che non richieda preparazione ,decorazione,che sia veloce da consumare e pratico da portare?
Effettivamente per chi stasera lavora e non può ma vuole concedersi una coccola non è semplice...il panino al bar o il tubo dei classici baci non sono il massimo...
Ecco allora la mia proposta, un Danubio Salato da farcire a proprio gusto.

Danubio Romantico



Qui trovate la ricetta del mio Danubio,collaudatissima!!
Potete prepararlo in anticipo,facilmente trasportabile e consumabile...non richiede piattini e posate varie.



Anche nella forma potete essere cretivi...creare dei cuori o un romantico fiore.


Per la farcitura vi suggerisco salame ed asiago,provola e prosciutto cotto come in foto,potete anche aggiungere del tonno e maionese,verdure o patè vari...
Inoltre potete anche realizzare ogni "pallina" con gusti differenti,cosi consumarlo sarà ancor di più una meravigliosa scoperta.


Buon SanValentino, Mirtill@