sabato 19 aprile 2014

La Pastiera Napoletana

Il vero simbolo della Pasqua sulle tavole napoletane e'lei, la signora Pastiera.
Esistono moltissime ricette e varianti,chi usa il grano intero chi invece lo passa, chi usa i canditi e chi li omette.
Ogni famiglia ha la sua versione e ricetta ,condivido con voi quella della mamma, che e'anche della nonna e della bisnonna....

La Pastiera Napoletana


La base della pastiera e'una semplice pasta frolla,ecco cosa occorre per realizzarla:

500 g farina 00
200 g burro
200 g zucchero
3 uova

-Si lavorano insieme gli ingredienti, il panetto si copre con pellicola da cucina e si lascia riposare 30 minuti in frigorifero.



Il ripieno e'composto da grano cotto,che si prepara solitamente la sera prima
200 g grano precotto
400 g ricotta
2 dl latte
300 g zucchero
150 g canditi
5 uova
acqua millefiori
cannella
1 fialetta fiori d'arancio
vanillina
2 limoni
zucchero a velo

-Cuociamo il grano in una pentola con il latte,un cucchiaio di zucchero e le buccia dei limoni,possibilmente non trattati,che andremo ad eliminare una volta cotto il grano,impieghera'circa 30 minuti.
-In una capiente terrina lavoriamo la ricotta con lo zucchero,uniamo dapprima i tuorli,quindi gli albumi montati a neve ed un pizzico di sale.
-Aggiungiamo il grano,solitamente io meta'ne passo e meta' lo lascio intero.
-Uniamo adesso gli aromi,un cucchiaio da te'ci cannella,la vanillina, acqua millefiori e la fialetta di fiori d'arancio..ormai la pastiera e'conosciuta come dolce e riuscite a trovare con molta facilita'questi aromi nei grandi ipermercati.
-Uniamo anche i canditi tagliati a cubetti.
-Stendiamo sulla teglia la pasta frolla,farciamola con il ripieno.
-Decoriamo con le classiche strisce di pasta,ricreando una crostata.

La cottura della pastiera e'lunga,occorrono circa 2 ore a 180°, per ottenere una corretta cottura del ripieno.
E quando e'fredda..una bella ed abbondante spolverata di zucchero a velo.

Niente foto della fetta singola,la Pastiera si apre a Pasqua 

Mirtill@

23 commenti:

  1. Adoro la pastiera. L'anno scorso ne ho preparata una, e sono rimasta estasiata...visto che quest'anno non ho avuto tempo, potrei prenderne un po' della tua, che ha un aspetto magnifico ;)
    Ti auguro una serena Pasqua. A presto :)

    RispondiElimina
  2. Mirtilla cara sono qui a farti i complimenti per la pastiera e a ringraziarti per il piacere che mi dai ogni volta che vieni a farmi visita. Ricambio di cuore gli auguri di Buona Pasqua. UN abbraccio
    Bianca

    RispondiElimina
  3. Troppo buona!!!!!!! l'ho fatta lo scorso anno.. quest'anno non mi son ricimentata.. prendo una fetta della tua.. Un baciottone forte forte:-)

    RispondiElimina
  4. Mia cara è bellissima!!! Ed immagino buonissima!! Avevo deciso di farla, avevo anche trovato la ricetta giusta ma....il tempo è stato tiranno e non ce l'ho fatta! Devo trovare un'altra occasione....festa della mamma? vedremo! Un bacione e tanti auguri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so,la pastiera richiede tempo,specie per la cottura :)

      Elimina
  5. mmmmm....la adoro!!!!!!!!!
    Buona Pasqua a te e alla tua famiglia

    RispondiElimina
  6. Ciao Carissima,
    auguroni di una Felicissima Pasqua anche a te e famiglia,e complimenti per la pastiera...una vera delizia!!!! :PP
    Un abbraccio,a presto <3

    RispondiElimina
  7. Che buona la pastiera, ne vado pazza! Mi sono unita ai tuoi lettori fissi, passa anche da me se ti va :)
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  8. che splendida pastiera!!quanto ne vorrei una fettina!!
    buona Pasqua e buona serata baci vale

    RispondiElimina
  9. Sai mirtilla cara, ne vedo milioni nel web eppure non l'ho mai assaggiata, ma vista qui sembra deliziosa e allungherei la mano per prenderne una fetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni famiglia ha la sua ricetta e versione :)

      Elimina
  10. jolie tarte vraiment un régal
    bonne soirée

    RispondiElimina
  11. É la prima volta che leggo la ricetta della pastiera in modo chiaro,semplice.
    Tanto che me la segno e provo a farla!
    Grazie carissima!

    RispondiElimina
  12. okkio che hai scritto "ci cannella"…. per il resto che goduria! la pastiera non l'ho mai mangiata e mi ha sempre ispirato un sacco. dopo aver letto passo a passo la tua ricetta credo proprio che mi metterò al lavoro per prepararne una versione vegan. cosa ne dici? se mi viene la posto così' diamo le due alternative ;-)

    RispondiElimina

Utilizzando questo sito si accettano e si autorizzano i cookies necessari +Info OK