domenica 11 novembre 2012

L'estatina di San Martino

Ogni anno,come consuetudine vuole, l'11 Novembre di celebra il vescovo di Tours, noto come San Martino, famoso per la sua umiltà e le sue doti caritatevoli.


Una delle tante leggende che circondano San Martino e'la cosiddetta Estate di San Martino, ovvero delle condizioni metereologiche favorevoli che portano un consistente aumento delle temperature dai primi di Novembre.

La leggenda narra che Martino, figlio di un ufficiale dell'esercito romano, a causa di un ordinanza dell'epoca divenne anch'egli soldato romano e trovandosi, in una grigia giornata d’autunno, alle porte della città di Amiens con i suoi soldati incontrò un mendicante seminudo. D'impulso tagliò in due il suo mantello militare e lo condivise con il mendicante. Miracolosamente il freddo si affievolì e comparve il sole: fu quella la prima estate di San Martino.
Nel palermitano,tradizione vuole che a San Martino le pasticcerie propongano u viscottu di San Martino abbagnatu, i biscotti, realizzati con una forma rotondeggiante ed aromatizzati con semi d’anice, vengono gustati bagnati nel vino moscato. 
Questi tipici dolci, che abbondano nelle pasticcerie siciliane anche un mese prima della ricorrenza, possono essere di vari tipi: il tricotto (croccante e friabile, destinato all’inzuppo), il rasco (pasta morbida, inzuppata di liquore, destinata ad essere riempita di crema di ricotta) e la versione del biscotto decorato (pasta morbida, scavato e riempito di conserva, glassato e merlettato con zucchero e decorato con un cioccolatino e frangette d’argento). 

Io vi propongo la ricetta del Rasco appunto



Ingredienti
1 kg farina 00 Molino Rossetto
250 g di strutto
160 g di zucchero di canna Sugar Waves
2 panetti di lievito di birra
una manciata di semi di finocchio
cannella
moscato
300 g ricotta
zucchero a velo

-Mettiamo in una grossa terrina la farina a fontana,al centro mettere lo strutto,lievito sciolto con poca acqua tiepida,semi di finocchio e cannella.
-Impastiamo bene il tutto,tagliamo quindi l'impasto a cilindri,che avvolgeremo su loro stessi,ottenendo delle spirali.
-Adagiamo i biscotti su una teglia da forno unta e cuociamoli per 20 minuti,devono essere cotti ma morbidi.
-Tagliamoli in due parti,facendo attenzione che le due parti NON siano uguali..immaginiamo di tagliare la calotta ai pomodori,nello stesso modo tagliamo i biscotti.
-Bagniamo entrambe le parti con poco moscato.
-Farciamoli con la ricotta che abbiamo dapprima lavorato con un po'di zucchero.
-Spolveriamoli con zucchero a velo e cannella.

Mirtill@


2 commenti:

  1. bellissimo blog... complimenti ti seguirò, spero che anche tu seguirai i miei blog agli inizi...
    http://scrivimidamore.blogspot.it/
    http://ragazzocomune.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Ciao, ho due premi per te!
    Dana et Dana

    RispondiElimina

Utilizzando questo sito si accettano e si autorizzano i cookies necessari +Info OK