martedì 10 giugno 2008

A'fellata


Solitamente si usa chiamare a'fellata,a Napoli,un bel piatto grande,da portata stracolmo di salumi e formaggi tipici locali.
Questi altri non e'che uno dei tipici antipasti tradizionali,tra i salumi predisposti non possono mancare Mortadella,Salame Napoli,Capicollo,la Pancetta Arrotolata,Provolone piccante e tante tante altre cose buone!
Ecco stasera cosa porto a tavola,dopo una giornata lavorativa che si e'appena conclusa...diciamo che me la sono anche cavata!!
Mirtill@

21 commenti:

  1. Interesting topics could give you more visitors to your site. So Keep up the good work.

    RispondiElimina
  2. Ciao, veramente invitate Mirti;)

    RispondiElimina
  3. Eeeeehhh cara Mirty, questo piatto lo conosco davvero bene!!! Essendo mio padre campano...
    E' una goduria come poche!;)
    Poi però bisogna fare la maratona di New York per smaltire tutte quelle calorie!
    ahahah
    ;)
    Ma che ci frega a noi!

    RispondiElimina
  4. Biondina!! Ma che tripudio di salumi!!! Con un bel bicchiere di vino rosso e una pagnotta, che goduria!!!!

    RispondiElimina
  5. P.s. grazie per l'abbraccio, ricambio volentierissimamente e lo posto al più presto!!!
    smuack!!

    RispondiElimina
  6. si...a'fellata infatti si usa di tradizione mangiarla a pasqua:-) un baciottolo
    Annamaria

    RispondiElimina
  7. allora lo conosci per bene cara guerny ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  8. lo hai detto lilith,pane bello fresco e un bicchiere di vino rosso..cosi caput e a letto!!

    RispondiElimina
  9. anche tu la conosci benissimo annamaria
    un bacione ;)

    RispondiElimina
  10. è tanto tempo che non ti lascio commenti, ti chiedo scusa, ma tu sai che sei sempre nel mio cuore!

    Al post di stasera non potevo però lasciare la mia traccia.

    Nel linguaggio palermitano esiste un termine che è (sgrana gli occhi)
    "'a fillata d'agnino"

    Io da piccola ero convinta che fosse 'a fillata dagnino (dove dagnino stava per una fabbrica locale dolciaria), ma in realtà era d'agnino con l'apostrofo.
    Credo significhi "d'agnello" o qualcosa del genere.
    Serviva per indicare la mortadella.
    Ancora oggi quando fai una domanda con cui pretendi l'impossibile ti viene risposto "se? 'a fillata d'agnino"!

    RispondiElimina
  11. ehm... scusate, piccola rettifica da fare al commento di prima, copio e incollo dal sito www.rosalio.it:

    La “fillata di Dagnino” è, banalmente, la mortadella, che un tempo si comprava - a fette - nella salumeria Dagnino, ed era una prelibatezza esotica, riservata alle grandi occasioni. Il palermitano, fino a metà del secolo scorso, sconosceva questi lussi, e si limitava ad olive, primosale e sarde salate, se voleva un antipasto o semplicemente qualcosa da accompagnare col pane.

    url: http://www.rosalio.it/2007/07/31/grammatica-siciliana-ter/

    RispondiElimina
  12. grande questta fellata!
    ma sono tutti salumi napoletani?

    RispondiElimina
  13. Cavata decisamente bene!slurp!

    RispondiElimina
  14. Ecco nonostante siano le 7.10 del mattino io personalmente un tuffetto in questo bel piatto me lo farei :-D
    brava
    bacio tesoro

    RispondiElimina
  15. Te la sei cavata alla grande!

    RispondiElimina
  16. ma quelli lunghi tipo salamini come si chiamano?
    Gnam

    GnuS

    RispondiElimina
  17. Ottima e golosa!!!! e poi intrevedo del gorgonzola ... passione mia!

    RispondiElimina
  18. una 'fellata per me.....please!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  19. Buona sera Mirtilla bella, ho da farti una richiesta.. Tu sei sempre stata brava in cucina e conosci strumenti ed utensili potresti dae qualche suggerimento (una sorta di elenco tipo lista nozze) delle cose che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si dica funzionale? mi aiuteresti?
    baci rusella

    RispondiElimina

Utilizzando questo sito si accettano e si autorizzano i cookies necessari +Info OK